Le principali collezioni di moda nei musei in Italia (da nord a sud)

Alessandria, Museo del Cappello Borsalino

Circa 2000 campioni di tutti i copricapo realizzati dall’azienda Borsalino, testimoniano la qualità manifatturiera di Alessandria – scheda


Vercelli, Museo Leone – Palazzo Langosco

Gilet e corpetti del XVIII secolo, di manifattura italiana o francese, compongono la collezione di tessili antichi del Museo Leonescheda


Vigevano (Pavia), Museo Internazionale della Calzatura Pietro Bertolini

Prima istituzione pubblica italiana dedicata all’evoluzione della scarpascheda


Milano, Armani Silos

Il Silos, nei suoi 4500 mq, racconta la storia e l’estetica dello stilista Armani per temischeda


Milano, Museo Teatrale alla Scala

Il costume teatrale: il fascino senza tempo degli abiti di scena del Teatro alla Scalascheda


Milano, Palazzo Morando – Costume Moda Immagine

A rotazione prende vita negli ambienti di Palazzo Morando il guardaroba civicoscheda


Mazzano (Brescia), Villa Mazzucchelli – Museo della Moda e del Costume

Circa 5000 pezzi inquadrati tra la metà del Settecento e la nascita dell’Alta Moda (Novecento)scheda


Venezia, Palazzo Fortuny

Il palazzo, tra le molte espressioni di arte applicata, espone un patrimonio che va dai preziosi velluti rinascimentali fino ai materiali provenienti da culture esotiche scheda


Venezia, Palazzo Mocenigo

Qui i preziosi capi d’abbigliamento dialogano con l’eccezionale arredamento del palazzo veneziano scheda


Prato, Museo del Tessuto

Una realtà museale che parla di tessitura dall’antichità archeologica ai giorni nostri non può che dedicare un’ampia riflessione sulla moda (locale e non) nella sua evoluzionescheda


Firenze, Musei di Palazzo Pitti – Museo di Moda e del Costume

Primo museo statale dedicato alla storia del costume in Italia, esso è un’ottima tappa per ammirare non solo abiti d’epoca ma anche costumi di scena di attori di cinema e teatro scheda


Firenze, Museo Salvatore Ferragamo

Il Museo racconta attraverso calzature cult la lunga carriera di Salvatore Ferragamo e la storia della maisonscheda


Firenze, Gucci Museo

Inaugurato in occasione dei 90 anni del brand, il Museo offre al visitatore una sperienza immersiva nel mondo Guccischeda


Firenze, Museo Roberto Capucci

Definito, a 26 anni, da Christian Dior come “il miglior creatore della moda italiana” Roberto Capucci è qui rappresentato e omaggiato dai suoi stessi capolavorischeda


Civitella del Tronto (Teramo), Museo NACT – Nina Museo delle Arti Creative Tessili

Con oltre 700 pezzi, il Museo NACT si attesta come una delle maggiori collezioni del settorescheda


Gradoli (Viterbo), Museo del Costume Farnesiano

Un itinerario alla scoperta della moda alla corte Farnesescheda


Roma, Museo Boncompagni Ludovisi per le Arti Figurative

Circa 800 pezzi iconici da inizio Novecento sino agli anni 40 tra cui spiccano modelli di Fausto Sarli, Fernanda Gattinoni, Valentino, Roberto Capucci e Angelo Litricoscheda


Serrone (Frosinone), Musei dei Costumi di Teatro

I costumi di Beatrice Minori, nota sarta per RAI TV ed Eduardo de Filippo scheda


Vasto (Chieti), Palazzo d’Avalos Musei Civici – Museo del Costume

Moda abruzzese direttamente dalle case dei vastesi scheda


Napoli, Museo del Tessile e dell’Abbigliamento

Particolarmente interessante è la sezione dedicata al guanto, forte testimonianza della vocazione artigianale locale (Napoli, infatti, è la capitale italiana della produzione del guanto in pelle) scheda

Moda

Il Made in Italy fa rima con moda: che siano realtà di nicchia o appartenenti a grandi marchi Museoguide ve li presenta. Dall’abito al gioiello, dal bustino alle décolleté, dai guanti alle cinture, questo è il tour alla scoperta della moda e del costume, in perenne tensione tra tradizione ed innovazione.

Toggle Directions