Le principali collezioni museali ed aree archeologiche etrusche in Italia (da nord a sud)

Milano, Civico Museo Archeologico

I commerci, la vita quotidiana, la cultura domestica, il banchetto, la figura femminile e la religione sono presentati attraverso gli oggetti esposti nella sezione etruscascopri


Adria (Rovigo), Museo Archeologico Nazionale

Etruschi, Greci e Romani: Adria narra tre popoli e la loro influenza sul territorioscopri


Marzabotto (Bologna), Museo Nazionale Etrusco “Pompeo Aria” e Area Archeologica di Kainua

Il museo sorge sul margine dell’ampia area archeologica e, grazie alla grande quantità di reperti, costituisce un caso unico nel panorama dei centri abitati etruschiscopri


Cecina (Livorno), Museo Archeologico

Il Museo di Cecina custodisce i ricchissimi corredi della necropoli di Casa Nocerascopri


Volterra (Pisa), Museo Etrusco Guarnacci

Urne decorate a bassorilievi, pavimenti a mosaico, monete, esemplari di oreficeria, bronzi e epigrafiscopri


Fiesole (Firenze), Museo Civico Archeologico

Una continuità di insediamento dallEneolitico all’Ellenismo è presentata al museo di Fiesole, la cui città antica risulta legata commercialmente con Volterra, Arezzo e Chiusiscopri


Firenze, MAF Museo Archeologico Nazionale

Qui si può osservare un autentico ponte tra le culture, ovvero una selezione dei vasi greci rinvenuti in tombe etrusche, tra cui spicca il celebre Vaso Françoisscopri


Cortona (Arezzo), MAEC Museo dell’Accademia Etrusca e della Città

Un excursus tra i corredi funebri della tradizione etruscascopri


Cortona (Arezzo), MAEC Parco Archeologico

Una passeggiata a cielo aperto tra le rovine della cittàscopri


Asciano (Siena), Museo Civico Archeologico e d’Arte Sacra Palazzo Corboli

I reperti documentano gli insediamenti dell’Alta Valle dell’Ombronescopri


Chianciano Terme (Siena), Museo Civico Archeologico delle Acque

Tutti gli aspetti della vita e della morte degli antichi abitanti della Toscanascopri


Chiusi (Siena), Museo Nazionale Etrusco

Una delle più importanti e prestigiose realà per lo studio e la conoscenza della civiltà etrusca attraverso tutto l’arco del suo svilupposcopri


Orvieto (Terni), Museo Etrusco “Claudio Faina”

Interessante la collezione di ceramiche e bronzi etruschi dei conti Fainascopri


Canino (Viterbo), Museo Archeologico di Vulci

Un panorama completo della città etrusco-romana di Vulciscopri


Montalto di Castro (Viterbo), Parco Naturalistico Archeologico di Vulci

La tomba François, che prende il nome dall’archeologo che la scoprì nel 1857, costituisce la “star” del complessoscopri


Viterbo, Museo Nazionale Etrusco – Rocca Albornoz

Da non perdere: la ricca sezione “Architettura etrusca nel Viterbese”scopri


Roma, Museo Nazionale Etrusco di Villa Giulia

Il museo più rappresentativo di questa civiltà anche grazie al notissimo Sarcofago degli Sposiscopri


Roma, Musei Vaticani – Museo Gregoriano Etrusco

Uno spazio per seguire la storia millenaria di questo popolo, dall’età del Ferro (IX sec. a.C.) fino al suo progressivo e definitivo confluire nello stato romano nel I secolo a.Cscopri


Napoli, Museo Archeologico Etrusco “De Feis”

Da segnalarsi gli esemplari in ceramica di Buccheroscopri

Etrusco

“Furono gli etruschi coloro che, molto prima di Roma, nel momento del trapasso tra preistoria e storia, edificarono nel cuore d’Italia un’alta civiltà, ponendo le fondamenta della futura ascesa dell’Europa. Furono gli etruschi che, partecipi dell’eredità dell’antico Oriente con la sua avanzata civiltà, la trasferirono sul suolo dell’Occidente europeo”, quali parole meglio di quelle di Werner Keller potrebbero introdurre questa tematica?

Toggle Directions